Un (altro) cappello facile

Un (altro) cappello facile, scaricabile subito da Ravelry.com
Un (altro) cappello facile, scaricabile subito da Ravelry.com

Eccolo, scaricabile da Ravelry a titolo gratuito.

È stato creato per l’annuale raccolta di accessori invernali promossa dalle associazioni in occasione della Notte dei Senza Dimora che si tiene in tutta Italia a metà ottobre. Si lavora interamente in tondo con un ferro circolare, a coste e maglia rasata. La corona è eseguita con 5 razze di diminuzioni che creano un motivo a spirale (per chiudere il cappello sarà necessario usare il magic loop o il gioco di ferri).

Il filato usato per il cappello è Big Fabel di Drops (il filato per il modello è stato cortesemente donato da Fiordilana), un filato in lana economico ma piacevole da lavorare; una piccola percentuale di fibra sintetica di qualità che lo rende particolarmente resistente (è nato come lana da calzini). Le striature di colore rendono il lavoro piacevole e divertente anche quando si lavora a maglia rasata in tondo e il poliammide aggiunto rende questo cappello praticamente indistruttibile anche se molto caldo e non ruvido. Al lavaggio il filato, in origine piuttosto secco, si gonfia diventando vaporoso e voluminoso ma senza creare peluria.

Se decidi di lavorarlo per te, lavorane almeno anche un secondo da consegnare alle associazioni della tua città perché lo consegnino a un senza dimora.

Annunci

3 commenti

    • “Calzini facili” è un concetto un po’ complesso. Iniziamo subito con il dire che un paio di calze è un accessorio tanto variato quanto un maglione. Così come un maglione più avere tantissime forme diverse (più o meno ampio, con spalle di tanti tipi diversi, con molte costruzioni diverse, con praticamente qualsaisi tipo di costruzione ecc.), altrettanto avviene per le calze, che possono avere costruzioni, truttura e forma molto variata. QUindi dire “calzini” è come dire tutto e nulla.
      Ridotti all’osso i calzini sono un tubo con un angolo, e un cappellino alla fine. Se sai fare un tubo sai già fare l’80% di quello che serve. la punta, come ho detto, si fa come un cappellino e moreta lì. I problemi grossi riguardano l’angolo, cioè il tallone, che èpuò essere realizzato in 750 modi diversi tutti comprendenti ferri accorciati, maglie riprese, diminuzioni e aumenti “acrobatici”. Probabilmente, il tallone più semplice è il “peasant heel” o “afterrthought heel”, Ti linko un modello a maglia rasata e coste perfetto per iniziare a capire come si costruiscono le calze. http://www.ravelry.com/patterns/library/afterthought-heel-socks
      Ora, nel giurassico io imparai a lavorare a maglia per farmi delle calze, quindi le feci senza nemmeno seguirfe un modello. Quindi per me tutte le calze sono facili. Ma oggettivamente, di calze “facili facili” non ne esistono,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...