Modelli e ricette di cucina

Ho un debole per Alton Brown. Cioè, è un cuoco e un geek, come posso non amarlo?! (E credo che Sara Maternini mi capisca.)

Ciò detto, l’altra sera mi sono imbattuta in questa sua intervista sul lavoro di scrivere ricette, che credo si applichi perfettamente anche al lavoro di scrivere modelli di maglia. (In calce alla pagina c’è la traduzione per chi non capisce l’inglese.)

Questo approccio a me ricorda molto quello di Elizabeth Zimmermann: eseguire un suo modello non è mai fine a sé stesso, è sempre un viaggio verso altre latitudini e longitudini, che ti deposita sulla cima di una collina, come dice Brown. Nel mio piccolo, se non sulla cima di una collina, io provo a portare, con i miei libri e modelli, i miei lettori almeno dalle parti di un cartello stradale e a mostrarglielo: siamo arrivati qui, ma se prendi questa strada potresti arrivare lì.

Alton Brown
Alton Brown

Potrei scrivere la peggior ricetta per un’omelette e, fintantoché il risultato sembrasse un’omelette alla vista, al tatto e al gusto, funzionerebbe comunque. Non c’è modo per un autore di ricette di coprire sufficienti variabili da rendere possibile una perfezione del 100%. Una volta ho provato, a mo’ di esercizio, a scrivere una ricetta di soufflè per un alieno che non sappia che cosa sono le uova e non è mai stato sulla terra. Mi sono arreso dopo 20 pagine a interlinea singola perché mi sono reso conto che è impossibile. Se non c’è un contesto, non c’è un’esperienza condivisa, è del tutto impossibile. Probabilmente la ricetta sarebbe diventata di 100 pagine.
Ho sempre pensato che scrivere ricette sia una forma di cartografia: voglio portare il mio lettore il più vicino possibile all’obiettivo: non stiamo andando solo a Omeletteville, stiamo andando esattamente a questa latitudine e longitudine; se la ricetta funziona davvero bene, ti farà arrivare a un punto da cui potrai osservare il panorama tutto interno a te. Quello che cerco di fare io non è soltanto farti capire come si fa un’omelette, ma anche farti spigolare nozioni che sarai in grado di usare per altre applicazioni nello stesso campo. Voglio fare in modo che tu capisca il territorio in maniera tale per cui tu impari delle cose che poi puoi riportare nella produzione di un soufflè.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...