Black sails! O della pirateria dei modelli

Il mondo della maglia è in subbuglio per la scoperta dell’ennesimo sito pirata che ridistribuisce modelli gratuitamente. Che fare?
In fondo, il Capitano era un mio eroe!
In fondo, il Capitano era un mio eroe!

Ebbene sì, ne hanno trovato un altro: un sito in cui vengono caricati modelli recuperati da Ravelry, resi disponibili per il download gratuito. Ovviamente, la comunità dei designer italiani e internazionali è andata immediatamente in fibrillazione: “Non possiamo sopportare, come possiamo reagire?”.

Io ci ho pensato benebene e sono giunta alle mie conclusioni. Quanto traffico fanno i siti pirata? Chi si mette a ravanare in questi siti, più spesso che no impestati dei peggio schifi informatici, spenderebbe 5 euro per comprare il modello di un maglione? La risposta è che questi siti fanno un traffico relativamente risibile e che comunque chi scarica lì non spenderebbe i famosi 5 euro. Anche Ravelry stesso è pieno di gente che scarica solo gratuiti. Fare acrobazie per impedire la pirateria o per cercare di sottrarre i propri modelli alla pirateria è generalmente uno sforzo inutile che ci toglie tempo per fare cose più utili, per migliorare il nostro output.

Nei nuovi modelli aggiungerò una dicitura che indica che il modello è unicamente acquistabile (o saricabile) da siti autorizzati e via.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...